Festival Il Cammino Celeste

 Info e prenotazioni »

20 Luglio  ore 21

Enea Sorini voce, salterio, percussioni

Peppe Frana oud, guinterna

Alessandro De Carolis flauti, traversa

La ViI Cornice. Dante e i trovatori
Sagrato della Chiesa Madre • TORCHIAROLO

INGRESSO GRATUITO CON PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA

Il filo rosso che unisce Dante e la tradizione trobadorica provenzale è tra le sfumature dell’opera del grande fiorentino che più hanno richiesto l’impegno intellettuale di generazioni di filologi. Le sue manifestazioni più esplicite, come la presenza di Arnaut Daniel nella settima cornice del purgatorio e il riferimento a Guiraut de Bornehl, Folquet de Marselha e altri nel Convivio e nel De Vulgari Eloquentia, si affiancano ad echi ambigui e dibattuti come la presunta citazione di Ventadorn nel Paradiso (Par. XX 73-75 “Quale allodoletta che n’aere si spazia..”), fugando ogni dubbio riguardo la consuetudine di Dante con la letteratura galloromanza.

Il programma musicale esplora il repertorio superstite di quei trovatori che hanno trovato spazio nell’immaginario e nello studio dantesco, in particolare quei canti di amor cortese dalle peculiari metafore erotico-naturalistiche sui quali il giudizio estetico e quello morale del sommo poeta appaiono in conflitto, mediandosi nella condanna del lussurioso Arnaut al Purgatorio.

L’influenza trobadorica si riverbera in ambiente fiorentino nelle ballate monodiche di autore anonimo databili già pochi anni dopo la morte di Dante, con particolare evidenza nell’utilizzo della tecnica del Sehnal: il nascondimento nell’incipit della composizione poetica del nome della dama a cui fu dedicata.

Peppe Frana

 

Vai all'elenco Concerti        Prenota 

 

© 2021 Festival Il Cammino Celeste.  Tutti i diritti riservati.

Graphic Design 

TUTTI I CONCERTI E I CAMMINI SONO CON PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA.

Direzione Artistica Giorgia Santoro    Produzione       Presidente Luigi Del Prete